venerdì 4 maggio 2012

Il mio destino è felicemente distrutto







Quel giorno era senza etichette, Era chiaro, neutro e imprevisto. Nessuno all'orizzonte: tu nel sogno lungo della notte, poi la realtà.