domenica 19 febbraio 2012

L'eleganza del riccio



Ci sono libri che in assoluto vale la pena di leggere, e questo è uno di quelli. Vorrei che venisse letto dai distruttori di pensiero, dai grossi, ottusi manipolatori di sentimenti, dai giovani senza speranza e da coloro che non si sentono di affronare la minuzia del pensiero e del linguaggio. Grazie Muriel per comunicare questa indispensabile bellezza, questo squarcio vitale nella grigia nebbia dell'indissolubile quotidiano. Mi rendo conto che la mia non è una recensione analitica ma un'adesione ad ogni singola pagina del romanzo, anche a quella più infarcita di metodo filosofico, forse a tratti molto densa, ma che riporta il grande sistema di pensiero allo spicciolo concreto di vita. Ed è quello che sempre cercato nel mio professore di filosofia: come posso concretizzare una concatenante sequenza di pensiero infinito? ho ricevuto una bella risposta. poesia, ascolto, sguardo semplice ma raffinato...Che meraviglia questo romanzo. Grazie.